Set Text Size Small Set Text Size Small

S’Urtzu e Sos Colonganos di Austis

Le maschere di Austis, Sos Colonganos, pur essendo simili a tutte le altre maschere barbaricine hanno una caratteristica fondamentale che li differenzia dalle altre: sulle spalle, al posto dei tradizionali campanacci, Sos Colonganos portano infatti delle ossa di animali che vengono scosse per produrre un suono cupo, meno forte di quello dei campanacci, ma di certo non meno affascinante. Si pensa che in passato anche le altre maschere sarde portassero sulle spalle le ossa degli animali al posto dei moderni campanacci. Sos Colonganos portano inltre una maschera di sughero ricoperta di rami di corbezzolo sul viso e pelli di volpe o di martora sul capo. Ad accompagnare il gruppo c’è la tradizionale figura de “S’Urtzu”, la vittima vestito da cinghiale, che viene percosso dai due guardiani incappucciati, vestiti completamente di nero. La maschera di Sos Colonganos, che prende il nome dal grego kolos (pecora), fa parte delle maschere riscoperte di recente in seguito a ricerche sull’antica cultura sarda.

Foto di S’Urtzu e Sos Colonganos di Austis

Video di S’Urtzu e Sos Colonganos di Austis

Link sulle maschere di Austis


link: Tharros Charter, noleggio barche in Sardegna | lista maschere | mappa | dove e quando vederle | comprare le maschere | hai fotografato una maschera sarda? | contatti